Giallo a Regalbuto, cadavere in fondo al lago

La scoperta al “Pozzillo”. La vittima sarebbe un giovane, forse di origini romene. Lo ha individuato un pastore
Enna, Archivio

REGALBUTO. Macabra scoperta ieri pomeriggio al lago Pozzillo. Un cadavere di sesso maschile, forse di origini romene, è stato individuato da un pastore che ha chiamato i carabinieri. Non aveva documenti e sembrebbe morto per annegamento. Si tratta di un giovane con addosso i pantaloni ma a dorso nudo.
Il rinvenimento è avvenuto attorno alle 17, poi sono cominciate le operazioni di recupero del corpo e il medico legale solo dopo le 19 ha potuto iniziare a effettuare un primo esame esterno del cadavere. Non è escluso che fosse in acqua da diversi giorni.
Secondo quanto trapelato, il cadavere non identificato apparterrebbe a un giovane e non si tratterebbe - o così sembra - di una morte violenta. L'ipotesi più accreditata è che si sia trattato di un incidente.

Un servizio nell'edizione di Enna del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X