Regalbuto, furto di acqua: processo per 11 indagati

Tra le persone accusate, anche diverse donne incensurate che, dopo il distacco del contatore per morosità, avevano tolto i sigilli e realizzato abusivamente l’allaccio alla rete

REGALBUTO. Indagini concluse per 11 persone che nei mesi scorsi erano state accusate di furto aggravato di acqua. Adesso si attende il processo. L’operazione era mirata a reprimere il fenomeno degli allacci abusivi alle utenze. Tra gli indagati anche diverse donne incensurate che, dopo il distacco del contatore per morosità, avevano tolto i sigilli e realizzato abusivamente l’allaccio alla rete.
I carabinieri di Regalbuto nel corso del blitz hanno accertato che, a seguito di distacco del contatore idrico da parte della società Acqua Enna, “usando violenza sulle cose”, gli indagati “hanno violato i sigilli continuando di fatto ad usufruire del servizio pubblico in modo illegale”.
I contatori erano stati staccati da Acqua Enna in un periodo compreso tra cinque mesi ed un anno e 8 mesi. Il valore del bene sottratto è stimato nell’ordine di circa 7 mila euro complessivi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati