Nicosia, la «Cona» del Gagini compie cinquecento anni

Una serie di manifestazioni culturali organizzate per volontà del parroco Nicola Ilardo hanno animato la Basilica di Santa Maria Maggiore. "La tribuna - spiega il critico d'arte Pietro Airaghi - è il primo esempio dell'arte rinascimentale in Sicilia nel quindicesimo secolo"
Enna, Cronaca

NICOSIA. La «Cona» di Antonello Gagini, tribuna marmorea a sei piani dipinta in oro zecchino e orgogliosamente conservata da cinque secoli sull'altare maggiore della Basilica di Santa Maria Maggiore, ha festeggiato i suoi cinquecento anni.


A ricordarlo alla città una serie di manifestazioni culturali che sabato, per volontà del parroco Nicola Ilardo, hanno animato la Basilica di Santa Maria Maggiore. «La vostra tribuna - spiega il critico d'arte Pietro Airaghi - è il primo esempio dell'arte rinascimentale in Sicilia nel quindicesimo secolo e ci mostra il senso di Antonello, che sin dai primi anni della sua carriera seppe superare i suoi predecessori. E con quest'opera di squisita espressione divenne il maestro di quasi tutti gli statuari dell'isola».


La realizzazione della tribuna, opera monumentale che si sviluppa in sei piani, quattro ordini, oltre la base e la statua di San Michele con la spada sguainata e col drago sotto i piedi, impegnò Antonello Gagini per un arco temporale abbastanza lungo. L'opera venne commissionata all'artista l'8 novembre del 1499 dal sacerdote Giovanni Capra, procuratore della chiesa, e venne ultimata a Palermo nel 1511 e l'anno dopo, il 20 di ottobre, venne definitivamente montata dietro l'altare maggiore della Basilica, dove sabato sono stati centinaia gli studenti di tutte le scuole che l'hanno potuto ammirare grazie ad una apposita visita didattica.

La superficie della cona è suddivisa in riquadri che contengono altorilievi di figure sacre, ma tema fondamentale dell'opera rimangono le scene della vita della Madonna. Nel primo ordine è scolpito il transito della Madonna, nel secondo l'assunzione, nel terzo la natività e l'annunciazione, nel quarto l'incoronazione della Vergine, e proprio alla Madonna è stato dedicato il concerto serale che sabato, sotto la direzione di Mario Montesano, ha riunito le voci dei cori delle parrocchie cittadine.
La tribuna realizzata a Nicosia valse ad Antonello Gagini una grande fama a cui ha voluto dare un tributo Poste Italiane che ieri che al quinto centenario ha dedicato un annullo filatelico su cartoline a tema a tiratura limitata. Ma sabato la Basilica è stata anche animata da mostre fotografiche, di cartoline e immaginette ed inoltre di estratti bibliografici di varie pubblicazioni dedicate alla «Cona».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook