Pioggia salvatrice: fino a capodanno niente emergenza

Cresce il livello della diga Ancipa. Da qualche giorno solo 14 centri su 20 sono alimentati dall'invaso

ENNA. Le timide piogge di queste settimane hanno fatto lievemente risalire il livello di acqua alla diga Ancipa di Troina, che adesso contiene una quota pari al milione di metri cubi.

E così, quand'anche nel breve periodo non dovessero esserci precipitazioni, cosa improbabile considerato che da ieri non fa che piovere - e considerato che gli esperti prevedono ancora piogge -, grazie alla riduzione dei prelievi dall'invaso, si potrebbe comunque andare avanti fino a Capodanno.

L'acqua viene erogata per ora a giorni alterni e c'è da credere che, a meno di piogge torrenziali, sarà così ancora per qualche altra settimana. A ogni modo oggi appare sempre più remoto il rischio di un black-out idrico. Da qualche giorno, infatti, sono solo 14 (su 20) le cittadine dell'Ennese approvvigionate dall'Ancipa, che in tempi normali alimenta oltre trenta città di cinque diverse province della Sicilia.

Dalla diga troinese ora vengono prelevati solo 175 litri d'acqua al secondo, meno della metà rispetto ai tempi normali - quando si prelevano fino a 400 litri al secondo - ma che bastano ad approvvigionare a giorni alterni quattordici cittadine dell'Ennese, poi la catanese Raddusa, le palermitane Alimena e Gangi e la messinese Capizzi. Le altre sette città della provincia di Enna, che dunque non saranno approvvigionate dall'Ancipa, sono Catenanuova, Centuripe e Regalbuto, alimentate da sempre dall'acquedotto Sollazzo; Aidone, Piazza Armerina, Valguarnera, che riceveranno dall'acquedotto Blufi 32 litri d'acqua al secondo.

Riguardo al capoluogo, adesso l'acqua arriverà tutti i giorni a Pergusa, che è alimentata anche da fonti proprie, cioè dai pozzi di Bannata, Bannatella e Furma, per 20 litri al secondo; poi si andrà a giorni alterni a Enna e Enna bassa, sulla linea di quanto deciso in Prefettura la settimana scorsa, quando il prefetto Clara Minerva mise tutti attorno a un tavolo per decidere il da farsi.

Intanto fonti vicine a Acqua Enna invitano tutti al senso di responsabilità nei consumi, considerato che comunque la crisi idrica c'è sempre. I segnali comunque sono incoraggianti, anche considerato che il fine settimana e i primi giorni della prossima, secondo le previsioni, saranno contrassegnati da piogge continue.

Se certamente è positivo che sinora non si sono registrati i nubifragi che negli anni passati hanno messo letteralmente in ginocchio agricoltura e viabilità ennese, va da sé che il contraltare è la prosecuzione del periodo di siccità, durato già diversi mesi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati