Il mercato di Piazza si va svuotando: i commercianti scesi sotto quota 200

Revocate dall’amministrazione diciassette autorizzazioni, si trasferiranno ambulanti che non sono al Sant’Ippolito

PIAZZA ARMERINA. Sono state 17 le autorizzazioni al mercato settimanale revocate in appena un mese dall'ufficio Commercio dopo un monitoraggio sul numero delle assenze non giustificate. Ambulanti che sono di fatto decaduti dalla titolarità del posteggio, in alcuni casi anche dopo quasi un ventennio di servizio attivo tra le bancarelle del giovedì mattina. Provvedimento scattato dopo decine di assenze registrate per mesi, con il posteggio rimasto vuoto e non utilizzato. Revoche o decadenze dalla concessione che si aggiungono alle decine dell'ultimo biennio, portando ad una cinquantina gli operatori commerciali che non prendono più parte al mercato piazzese, fino a qualche tempo fa considerato uno dei più grandi e appetibili del centro Sicilia. Crisi economica, prospettive incerte nell'immediato futuro e un sito mercatale, quello di Piano Sant'Ippolito, giudicato non adeguato economicamente dai sindacati, stanno portando ad una contrazione progressiva del numero degli ambulanti del mercato piazzese. Mercato che per la prima volta scende ben oltre sotto quota 200 operatori.
Con il calo dei consumi la presenza delle oltre 200 bancarelle era diventata sovradimensionata rispetto alla domanda di prodotti. Nel 2011 e 2012 l'ufficio Commercio ha assistito a numerosi commercianti assentarsi senza giustificato motivo per più di tre mesi. In pratica molti ambulanti assegnatari di posto non venivano più a fare il mercato a Piazza perché andavano in perdita. Alcuni commercianti, titolari della concessione del posteggio nella vicina piazza Mascagni, in una zona defilata del mercato settimanale, hanno così chiesto allora di essere spostati a Piano Sant'Ippolito, accorpati al grosso delle bancarelle, dove si lavora di più e si intercettano più clienti. E visto le tante revoche, i buchi tra le bancarelle e lo scollamento tra piazza Mascagni e Sant'Ippolito, l'amministrazione comunale ha deciso di dare il via libera temporaneo al trasferimento, venendo incontro alle richieste dei commercianti e dando più continuità all'area mercatale ormai spezzettata. Il gruppo di piazza Mascagni si trasferirà nei posteggi di Piano Sant'Ippolito sulla base della graduatoria vigente.
Il mercato era stato trasferito dalla centrale ex piazza Europa al più periferico sito di Piano Sant'Ippolito con una delibera del consiglio comunale del febbraio 2008. L'aula, però, aveva successivamente deliberato il ritrasferimento delle bancarelle in piazza Falcone Borsellino (ex piazza Europa). Dopo anni, però, il ritorno al centro del mercato non trova attuazione, tra le polemiche di una parte dei sindacati. Tanto che il rappresentante locale dell'Anva Confesercenti, Salvatore Cimino, ha chiesto l'istituzione di una commissione consiliare d'indagine per capire come mai il deliberato dell'aula non sia stato rispettato dall'amministrazione comunale in questi ultimi due anni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati