Leonforte, commissariato a rischio, chiesti nuovi locali

I componenti dell'associazione L'Arca presieduta dal giovane Antonio Armenio propongono formalmente di trasferire gli uffici all'ex sede della Pretura, attuale sede del Giudice di Pace

LEONFORTE. L'associazione civica «L'Arca» incontra il questore Ferdinando Guarino e fa appello all'amministrazione di individuare dei locali idonei per il commissariato, che sarebbe a rischio. Il commissariato infatti sarebbe a rischio. I componenti dell'associazione presieduta dal giovane Antonio Armenio propongono formalmente di trasferire gli uffici all'ex sede della Pretura, attuale sede del Giudice di Pace, di cui in nome della «spending review» il governo Monti ha da tempo deliberato la chiusura.
«Il questore si è detto felice per l'interessamento attivo del mondo sociale e della nostra associazione in particolare - spiega Armenio - al tema della sicurezza. La prima necessità per il commissariato, ci ha detto, confermando quanto ci aveva già detto il dottore Tognolosi (il dirigente del commissariato di Leonforte, ndr.), è quella di avere una sede più idonea in una zona più funzionale alle operazioni di polizia, compiacendosi per la nostra proposta. Poi ci ha parlato delle difficoltà che si hanno nel completamento delle piante organiche delle varie sedi di servizio, a causa del blocco del turn-over». Da qui l'appello all'amministrazione.
«Chiediamo che ci sia un interessamento reale alla problematica del commissariato e della sicurezza sul territorio - concludono i membri dell'associazione - valutando per ciò seriamente la proposta di assegnazione di una sede adeguata e funzionale».
J.TR.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X