Nicosia, appaltati i lavori per ultimare il «Basilotta»

Gli interventi sono stati «assegnati» in via provvisoria alla ditta De Maria di Santa Venerina

NICOSIA. Del completamento della ristrutturazione del Basilotta, ormai ferma da quattro anni e bloccata a metà dei lavori, si occuperà la ditta De Maria di Santa Venerina che sulla base d’asta di un milione e mezzo ha proposto un ribasso che supera il 27%. Della gara, adesso in fase di aggiudicazione provvisoria, si è occupata l’Urega di Enna che adesso sta procedendo alle verifiche per poi procedere all’aggiudicazione definitiva. Il nuovo Basilotta, che sorge sulla collina di San Giovanni, fu progettato negli anni Settanta ma ormai risulta obsoleto e per questo sottoposto ad una ristrutturazione che dura da anni e ma che dopo tre affidamenti e vari fermi dei lavori per varianti in corso d’opera, si trova con una ristrutturazione e a metà ossia con l’ala ovest rinnovata e consegnata nel 2008 e con l’ala est tutta da rifare. La gara d’appalto, che l’Urega ha celebrato il 26 novembre, spiana la strada al rifacimento e ammodernamento dell’ala est e quindi al completamento della ristrutturazione del nosocomio cittadino che rappresenta un importante punto di riferimento sanitario per migliaia di pazienti - utenti, in arrivo anche dal messinese e dal palermitano. I lavori dell’ala ovest del Basilotta, dove sono ubicate chirurgia uomini e pediatria, cominciarono alla fine di aprile 2006, quando vennero affidati alla Simit, e i sanitari riuscirono a riappropriarsi degli spazi ristrutturati solo ad ottobre del 2008. Ma passato appena un mese della consegna dell’ala ovest la ristrutturazione dell’ospedale venne bloccata dall’abbandono del cantiere da parte della ditta che stava realizzando i lavori. Il prezziario non era aggiornato, i tempi continuavano a dilatarsi e la ditta dichiarò che senza un adeguamento dei prezzi non avrebbe più potuto continuare i lavori. Rimase tutto bloccato fino a novembre 2011 quando grazie al decreto di finanziamento di due milioni di euro, prontamente disponibili, in arrivo dal dipartimento regionale di pianificazione strategica la speranza di ristrutturare la struttura sanitaria si riaccese.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati