Piazza Armerina ricorda la salvezza dal terremoto

Piazza rimase praticamente indenne da quel disastro naturale, non subendo alcun danno, a fronte di una Sicilia orientale devastata dal sisma. Gli abitanti di allora attribuirono il fatto all’intercessione della venerata immagine sacra
Enna, Archivio

PIAZZA ARMERINA. La città ricorda domani la sua “salvezza” dal terribile terremoto del 1693 aprendo il fercolo con l’immagine della patrona Maria Santissima delle Vittorie nel 320° anniversario da quel catastrofico evento. Piazza rimase praticamente indenne da quel disastro naturale, non subendo alcun danno, a fronte di una Sicilia orientale devastata dal sisma. Gli abitanti di allora attribuirono il fatto all’intercessione della venerata immagine sacra. Da quel momento la tradizione della salvezza dal “tremuoto”, come veniva chiamato, si rinnova in modo periodico. Il parroco della cattedrale, don Filippo Bognanni aprirà per tutta la giornata ad orario continuato il contenitore che custodisce l’icona patronale per consentire ai fedeli di farle visita e renderle omaggio. Il fercolo verrà richiuso alle 17.30 dopo una messa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X