Guerra alle bollette della Tia, in campo l’Assoconsumatori

Già iniziata l'opera di raccolta delle notifiche per fare ricorso a Commissione tributaria
Enna, Archivio

ENNA. Assoconsumatori è in piena attività contro le bollette Tia 2006.
Ad Enna e Valguarnera è già iniziata l'opera di raccolta delle notifiche per proporre ricorso alla Commissione tributaria provinciale. In quest'ultimo comune è stato nominato quale responsabile Pippo Mascio. Assoconsumatori riprende da dove lasciò la battaglia Assoutenti con Ilaria Di Simone e Pippo Bruno in prima fila. «Noi - dice quest'ultimo - non ci siamo mai fermati. Abbiamo sempre seguito l'evolversi della situazione nella speranza che Ato ed Istituzioni si rendessero conto che bisogna operare nel rispetto delle leggi e della sentenza del Cga 48/09 in particolare. Purtroppo tale sentenza è stata stravolta e disattesa». Per Assoconsumatori i cittadini ricevono un credito da conguagliare successivamente, la somma complessiva sarebbe intorno al milione di euro. "L'Ato quando deve restituire procrastina i pagamenti. Per quanto attiene le note di debito inviate a coloro che nel 2006 non pagarono, si stima una percentuale intorno al 70 per cento. Ha ragione il senatore Pecorella quando afferma che sul problema rifiuti in Sicilia l'illegalità è divenuta norma". "L'Assoconsumatori - conclude Bruno - continua la sua azione attraverso le vie giuridiche con la presentazione di un esposto e con i ricorsi individuali". Per maggiori informazioni sulla vicenda è possibile rivolgersi al 3293131303.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook