La Villa Romana finanzierà gli eventi per la fondazione di Piazza Armerina

Il Comune costituisce un comitato organizzatore ad hoc per le celebrazioni. Dieci gli esperti da nominare

PIAZZA ARMERINA. La città dei mosaici spegne 850 candeline. Quest'anno ricorrerà l'850° anniversario dalla fondazione di Piazza e per questo il Comune ha deciso di mettere attorno allo stesso tavolo storici ed esperti, costituire un comitato organizzatore ad hoc e prevedere un cartellone di eventi commemorativi. E per fare questo è stato previsto un budget di 50 mila euro che verrà finanziato dal 30 per cento degli incassi della Villa Romana del Casale, per legge spettanti con cadenza trimestrale alle casse comunali.
Secondo la tradizione storica che prende sempre più piede nel 1161 la città di Platia che insisteva sul sito del casale dei saraceni venne rasa al suolo dal re Guglielmo I, detto "Il Malo". Gli storici indicano la data del 1163 come quella della nascita della nuova Platia, fondata sul monte Mira, dove attualmente si trova il quartiere Monte. La data sarebbe anche l'anno di costruzione della prima chiesa Madre dedicata a San Martino di Tours che si trova vicino piazza Crocifisso. La giunta con delibera ha costituito un comitato di 15 personalità chiamato "Piazza 850 anni di storia verso il futuro", con funzione di organizzatore, costituito da personalità qualificate nel settore del patrimonio culturale, del turismo e della comunicazione, ma anche rappresentanti del mondo giovanile e dell'associazionismo. A farne parte saranno rappresentanti di Italia Nostra, dell'Università popolare del tempo Libero "I Nigrelli", del gruppo archeologico "L. Villari", del Magistrato dei Quartieri e della Società di Storia Patria. Altri cinque componenti del comitato saranno scelti direttamente dal sindaco Carmelo Nigrelli e altri 5 verranno indicati dal consiglio comunale. Ad affiancare questo organo anche un comitato scientifico con obiettivi di approfondimento storico e culturale su questa data simbolo e un comitato d'onore. Le attività dei comitati saranno rigorosamente a titolo gratuito. Anniversario e celebrazione storica, quindi, ma anche occasione per promuovere l'immagine della città in Italia e all'estero. Nelle prossime settimane scatteranno le prime riunioni operative per cominciare a mettere nero su bianco gli eventi e le iniziative legate all'anniversario. Poi verrà stilato un calendario con gli appuntamenti inseriti nel programma e dovrà essere effettuata anche un'attività di promozione, al Parco Archeologico della Villa Romana del Casale e alla Provincia di Enna. Il Comune chiederà collaborazione attiva alla Diocesi di Piazza Armerina, alla Soprintendenza di Enna.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati