Punteruolo rosso, è allarme: «Controllate le vostre palme»

Ordinanza ai proprietari per arginare il fenomeno della diffusione del parassita

ENNA. È allarme punteruolo rosso in città. Il Comune ordina a tutti i proprietari di palme di controllare le loro piante per prevenire la diffusione del parassita, considerato che, si legge nell'ordinanza del sindaco Paolo Garofalo, "è presente nel territorio cittadino». Parte una massiccia operazione di profilassi, necessaria perché, secondo gli esperti, questo parassita costituisce una minaccia mortale per le palme, dovuta alla deposizione delle uova all'interno, da cui nascono le larve dell'insetto, e che da un'azione distruttiva deriva «il collasso vegetativo delle palme intaccate». Le conseguenze, inoltre, sono pesantissime anche nel settore vivaistico. Le palme a Enna sono ampiamente presentì sia nel verde pubblico che nel verde privato, «rappresentando un bene di elevato valore ambientale, culturale e paesaggistico e se infestate da questo insetto possono costituire un grave rischio per l'incolumità pubblica dovuto alla caduta al suolo di parti di piante». Per questo il sindaco ordina a tutte le persone in possesso di palme infestate di darne subito comunicazione al servizio Verde pubblico del Comune e al servizio fitosanitario regionale. A tutti i proprietari di terreni dove ci sono le palme, ai vivaisti e a tutti gli operatori del settore, ordina poi di controllare «l'eventuale anomala inclinazione delle foglie apicali rispetto al portamento naturale della specie»; «la presenza di evidenti raschiature superficiali o fori sulle foglie o alla base delle stesse»; la «presenza di bozzoli creati dal parassita» e la «presenza di esemplari adulti del coleottero». Se la palma è in buono stato vegetativo e non infestata dal coleottero, la potatura o pulizia dell'esemplare non dovrà essere eseguita, a eccezione dei casi in cui è indispensabile per il mantenimento delle condizioni minime di sicurezza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati