Piazza Armerina, patrimonio dei politici a portata di click

Sarà presto possibile conoscere la ricchezza personale di sindaco, assessori e consiglieri comunali sul portale Internet dell'amministrazione, cliccando sulla sezione "Operazione trasparenza"

PIAZZA ARMERINA. I redditi e patrimoni di sindaco, assessori e consiglieri comunali, potranno essere consultati da casa, con un click sulla tastiera del computer. Il consiglio comunale ha approvato all'unanimità il nuovo regolamento nel quale vengono disciplinate le modalità di pubblicità e trasparenza dello stato patrimoniale dei titolari di cariche pubbliche elettive e di governo. La ricchezza personale di chi amministra la città dei mosaici, quindi, sarà presto accessibile sul portale internet comunale, cliccando sulla sezione "Operazione trasparenza". Cosa prevedono i 5 articoli approvati dai banchi di via Cavour? Nella sostanza gli amministratori saranno tenuti a depositare all'ufficio di segreteria comunale, entro 30 giorni dall'avvenuta elezione, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà nella quale dovranno essere riportati reddito annuale risultante dall'ultima dichiarazione dei redditi, beni immobili posseduti, beni mobili registrati, partecipazioni in società quotate e non quotate ed eventuali obbligazioni e titoli di Stato. Una dichiarazione che dovrà essere presentata ogni anno e per tutta la durata del mandato, consentendo di fatto così ai cittadini di poter monitorare la ricchezza personale degli eletti e di chi ricopre cariche di governo. Non solo. I patrimoni potranno essere monitorati ogni qualvolta dovessero verificarsi novità che incidono sulla ricchezza personale degli eletti. La certificazione, infatti, va aggiornata dagli amministratori quando viene acquistata una casa, un'auto, un pacchetto di azioni o titoli di Stato da parte di un assessore o un consigliere comunale. E la dichiarazione sostitutiva dovrà essere presentata anche a fine mandato, entro 30 giorni dalla cessazione della carica. Il prospetto riepilogativo con la posizione di tutti gli amministratori, poi, dovrà essere reso pubblico sul sito istituzionale internet del Comune, a cura dell'ufficio di Segreteria. Per gli amministratori inadempienti che non si adeguano a questo nuovo principio di trasparenza è anche prevista una sanzione amministrativa che parte da 2 mila euro fino ad un massimo di 20 mila euro. La delibera con il regolamento è stato appena pubblicato nell'albo pretorio comunale ed entrerà in vigore fra quindici giorni, in pratica a partire dal 22 aprile. E questo significa, così come previsto dal terzo comma dell'articolo 2, che «in sede di prima applicazione» anche gli amministratori attualmente in carica saranno tenuti a presentare la dichiarazione sostitutiva con il proprio stato patrimoniale entro i 30 giorni successivi, cioè entro il 22 maggio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X