RIfiuti, Nicosia: ancora senza salari i dipendenti dell’Ato

ENNA. Non hanno ancora ricevuto i salari i 15 netturbini assunti direttamente dall'Ato, per i quali il Comune di Nicosia ha operato le anticipazioni. Gli operai, che ripongono le loro speranze nell'aiuto che potrà dargli il vescovo Salvatore Muratore, dovranno essere pagati dall'Ato che non ha ancora ricevuto l'accreditamento delle somme, neanche quelli per la copertura delle spese del servizio e i fornitori battono cassa. Già da oggi si profilano problemi per il rifornimento del carburante. L'amministrazione comunale replica che non c'è nessun ritardo ma bisogna aspettare la maturazione dei tempi tecnici. "Non abbiamo ancora ricevuto i salari - spiegano gli operai - e non sappiamo più come fare. Le nostre difficoltà aumentano ogni giorni, l'Ato ci ha pagato un mese ma aspettiamo ancora che ci vengano pagate 4 mensilità". L'attesa per gli operai sta diventando snervante. "Non abbiamo ricevuto un euro - spiega Michele Sutera del collegio di liquidazione dell'Ato - né per pagare gli operai e nemmeno per sostenere i costi del servizio tra cui quelli del carburante e quelli del conferimento in discarica e non ne comprendiamo la ragione".
Con due delibere di giunta, il 12 e il 13 giugno, è stato deliberato il trasferimento all'Ato Enna Euno di poco meno di 350 mila euro per pagare i salari, gli oneri di conferimento in discarica e il carburante. Il mandato di pagamento è arrivato al Bds di Palermo lunedì 17. "Abbiamo fatto quanto andava fatto e abbiamo rispettato gli impegni - spiega il vicesindaco Carmelo Amoruso - ma non possiamo intervenire nei tempi di lavorazione della banca, che sono tempi tecnici". C. Pu.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati