Pietraperzia, il Comune vende case e terreni

ENNA. Quaranta pezzi di terreno e alcuni edifici. Sono i beni che il Comune di Pietraperzia vuole valorizzare ed eventualmente vendere. Il valore complessivo è di circa tre milioni di euro. La giunta, guidata dal sindaco Enzo Emma, ha dato il via libera. Ora deve decidere il consiglio comunale, convocato dal presidente Rosa Maria Giusa per domani pomeriggio alle 19. Gli edifici da vendere sono la delegazione municipale di contrada Madunnuzza, il centro commerciale di via Rosario Nicoletti, il macello di via Enna e di Largo Canale e dei fabbricati rurali delle contrade Malanotte, Montegrande, Costa D'Api, Vallone dell'Oro, Runzi, e Misteci. I terreni da alienare li aveva lasciati al Comune, ad inizio Novecento, la nobildonna Flavia Martines. I terreni si trovano in dieci contrade: Fondachello, Malanotte, Oliva, Monte Grande, Costa D'Ape, Vallone dell'Oro, Runzi, Menta, Marano e Misteci.
«Gli immobili inseriti nell'elenco - si legge nella delibera di giunta - possono essere alienati senza necessità di variante allo strumento urbanistico generale, mantenendo l'attuale destinazione urbanistica e fatto salvo l'immobile ubicato in via Diego Messina adibito a Delegazione Comunale». I terreni, inseriti in un apposito elenco insieme agli edifici, hanno diverse caratteristiche: seminativo, uliveto, mandorleto, con piantagioni di fichidindia e terreni adibiti a pascolo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati