L’abbraccio simbolico agli immigrati, Nicosia capitale dell'accoglienza

Il tema dell’integrazione in primo piano alla vigilia della visita del Papa a Lampedusa. Zaksongo ospite della Fidapa

NICOSIA. L’attuale tema, e oggi che Papa Francesco sarà a Lampedusa ancora di più, dell’integrazione degli immigrati è stato al centro della Cerimonia delle candele, che la Fidapa cittadina ha festeggiato assieme alla sezione di Cerami la cui nascita è stata ufficializzata nei giorni scorsi. Per affrontare il tema tanto caro al ministro dell’ integrazione Cécile Kyenge la Fidapa ha invitato Denise Zaksongo, delegata del Governo per i flussi migratori ed attualmente vicedirettrice del Centro accoglienza richiedenti asilo di Mineo dove è anche mediatrice culturale, a relazionare sul tema.
“In un giorno in cui simbolicamente ci stringiamo in un solo grande abbraccio virtuale con tutte le donne del mondo che fanno parte della Federazione internazionale che – spiega la presidente Valeria Fiscella - sono impegnate come noi nel seminare idee per rimuovere ogni forma di discriminazione e pregiudizio a sfavore delle donne in ogni ambito ed in tutti i Paesi del mondo, abbiamo voluto esprimere la nostra solidarietà a tutte quelle donne meno fortunate di noi che, costrette all’emigrazione, si trovano ad affrontare nel nostro Paese una vita difficile caratterizzata da mille difficoltà e spesso da razzismo e xenofobia”.
La relazione della Zaksongo è stata accompagnata da un balletto contro ogni forma di violenza e sopraffazione sulle donne ideato e coreografato dalla maestra di danza Rosanna Miritello, neosocia della Fidapa nicosiana.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati