Enna, quartiere sotto l’incubo della via che viene giù

Protestano gli abitanti di contrada Ferrante: «Il muro di contenimento della Pergusina sta cedendo ancora di più sotto la pioggia»

ENNA. Lo ha segnalato per primo sul gruppo aperto "100 idee per Enna" di Facebook il signor Sergio Gioveni. Altre segnalazioni sono state fatte anche sul sito www.youreporter.it.
In realtà, giunti sul posto, abbiamo raccolto lamentele e proteste a iosa dai residenti del quartiere Ferrante per il pericolo che secondo loro incombe sulla via Civiltà del lavoro (strada già crollata anni fa), il cui muro di contenimento dalla sovrastante Pergusina SS 561 (arteria a intenso traffico veicolare, anche di mezzi pesanti), sembra cedere sempre più.
«Il nubifragio di oggi pomeriggio - si legge in una nota pubblicata la scorsa domenica su internet - ha portato alla luce un gravissimo problema per la sicurezza degli abitanti del quartiere di Ferrante. Il muro di contenimento, oggi a causa delle forti piogge ha peggiorato le sue condizioni di staticità, inclinandosi ulteriormente per il peso dell' acqua e della terra che lo sovrastano».
«Questo muro di cemento armato - dice sul posto il residente Alessandro Manna - ormai da mesi rappresenta un pericolo. Nonostante le segnalazioni al Comune, l'unica cosa che abbiamo ottenuto è stato il posizionamento ora di transenne ora di nastro segnaletico, poi puntualmente rimossi o accantonati dai passanti che spesso se li trovavano caduti sulla carreggiata».
«Attualmente - continua Manna - l'area è circoscritta da new jersey in plastica ma il problema resta, anzi il muraglione sembra cedere sempre più e chissà cos'altro potrebbe succedere».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati