Tarsu a Enna, l’assessore al Bilancio: bollette ridotte del venti per cento

ENNA. I residui, attivi e passivi, del bilancio comunale per quanto riguarda il 2012 sono aumentati. Considerando i primi sono stati riscossi 7 milioni e 789 mila euro ma ne sono stati formati ben 12 milioni e 121 mila euro. Stesso trend per i residui passivi.

Il Comune ha prodotto pagamenti per 6 milioni 328 mila euro ma risultano formati residui per 8 milioni e 526 mila euro. La somma attiva è aumentata di 3 milioni e 337 mila euro. Un dato che scaturisce per lo più dagli avvisi Tarsu 2010 e 2011 non pagati. A questo riguardo va detto che nel corso degli ultimi anni la problematica relativa alla gestione del servizio rifiuti si è attenuata con più pagamenti e meno ricorsi.

E l'amministrazione Garofalo porta a consuntivo "un riequilibrio - dice l'assessore al Bilancio Vittorio Di Gangi - delle utenze domestiche. Ciò ha prodotto in due anni la riduzione delle bollette del 20 per cento". In questo settore "vogliamo tenere alta l'attenzione. Con non poche fatiche abbiamo avviato la raccolta differenziata in alcune zone della città e sostenuta l'azione di alcuni giovani che hanno avviato un eco punto in via dello Stadio".
Complessivamente a fine dicembre 2012 i residui attivi ammontano a 24 milioni e 804 mila euro. Da sottolineare che durante lo scorso anno sono stati radiati residui attivi per un milione e 14 mila euro. E nell'anno precedente la somma radiata era stata di circa un milione di euro.

I residui passivi complessivamente sono diminuiti di circa 153 mila euro rispetto all'anno precedente e a fine esercizio ammontano a 21 milioni 489 mila euro.
Nel 2012 sono stati radiati residui passivi per 2 milioni e 352 mila euro. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati