Dirigenti scolastici, via al valzer Ecco la nuova mappa a Piazza

Resi ufficiali i rinnovi e le modifiche degli incarichi per l'anno scolastico 2013-2014: chi va e chi arriva

PIAZZA ARMERINA. Dirigenti scolastici che vanno, dirigenti scolastici che arrivano. In attesa della nomina di alcuni vincitori di concorso. Cambia la mappa dei presidi e direttori scolastici dopo il maxi pensionamento di quattro dirigenti scolastici storici della città dei mosaici. L'ufficio Scolastico regionale ha appena reso ufficiale la nuova mappa con i rinnovi e le modifiche degli incarichi per l'anno scolastico 2013-2014. Al liceo Classico-Scientifico "Gen. A Cascino", fino all'anno scorso retto dal dirigente Giuseppe Russo, adesso in pensione, è stata destinata la preside Lidia Carola Di Gangi, proveniente dall'istituto Commerciale e per geometri «Leonardo Da Vinci». Alla guida della scuola media Roncalli-Cascino, invece, il cui preside Sergio Sottosanti è andato in pensione, è stato destinato Roberto Ferrera, proveniente dall'istituto comprensivo "G. Arcoleo" di Caltagirone. Al circolo didattico "Rocco Chinnici", fino ad oggi guidato dal dirigente scolastico Adriana Rabita, fresca di pensionamento, è stato inviato dalla direzione generale dell'Usr il preside Giuseppe Ferro, proveniente dal Borgo di Troina. I nuovi incarichi messi nero su bianco dal direttore generale Maria Luisa Altomonte saranno operativi a partire dal primo settembre. Per l'istituto Capuana, accorpato all'istituto comprensivo Cordova di Aidone, così come per il circolo didattico Falcone, invece, quest'ultimo rimasto con la dirigenza vacante con il pensionamento del direttore Pippo Cascino, pare si dovranno attendere le nomine dei nuovi vincitori di concorso. Così come un vincitore di concorso dovrebbe essere inviato a dirigere un mega accorpamento scolastico che potrebbe vedere il prossimo anno riunite sotto la stessa presidenza istituto Professionale maschile e femminile, Magistrale e istituto Commerciale e per geometri. La nuova mappa dei dirigenti scolastici della città dei mosaici scatta in seguito al decreto regionale dello scorso marzo con il quale sono stati disposti dall'assessorato regionale dell'Istruzione e della formazione professionale gli interventi di razionalizzazione e dimensionamento della rete scolastica siciliana decorrenti dal prossimo anno scolastico. Interventi non sempre condivisi a livello territoriale e spesso motivo di forti contrasti a livello sindacale e sociale. Al centro delle contestazioni lo scorso inverno soprattutto l'accorpamento dell'istituto comprensivo Capuana del quartiere Monte al Cordova della vicina Aidone, con una dirigenza scolastica persa per la città dei mosaici. Sit in del comitato di quartiere e di alcune mamme, consigli comunali e riunioni sindacali non sono bastati ad evitare quello che da molti è stato considerato uno schiaffo morale per la tradizione scolastica armerina. E le polemiche fra qualche mese potrebbero continuare in vista dell'anno scolastico 2014-2015.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati