Baby prostituta a Enna, in 14 rischiano processo

Nell’arco di dieci mesi, ben 13 persone, tra cui anche due ultrasettantenni, avrebbero fatto sesso a pagamento con la ragazzina

ENNA. La Dda di Caltanissetta ha chiesto quattordici rinvii a giudizio per la squallida storia di prostituzione minorile scoperta dalla squadra mobile l'anno scorso a Enna. Nell'arco di dieci mesi, ben 13 persone, tra cui anche due ultrasettantenni, sarebbero andati a letto con una baby prostituta ennese, appena quindicenne. Il quattordicesimo nome è quello della presunta sfruttatrice, L.B., 41 anni di Enna, difesa dall'avvocato Franco Puzzo. Gli incontri sessuali a pagamento, secondo la polizia, si sarebbero consumati a Enna, Calascibetta, Villarosa, Campobello di Licata, nell'Agrigentino, a Misterbianco e a Catania, dal dicembre 2011 al settembre 2012, quando è scattata l'operazione degli uomini della sezione reati sessuali della Squadra Mobile, diretta dal vicequestore Giovanni Cuciti.
UN SERVIZIO NELL’EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati