Enna, Archivio

Piazza Armerina, tessere saltate e umidità: sopralluogo ai Mosaici

PIAZZA ARMERINA. Tessere dei mosaici saltate, infiltrazioni di umidità e coperture incomplete con la presenza del plexiglass nel triclinium e vicino all'area delle Terme. Sopralluogo all'interno della Villa Romana del Casale, ieri mattina, di una delegazione del gruppo politico di "Sviluppo e Territorio", accompagnato dall'ex dirigente dei Beni culturali armerini Francesco Galati, già componente dell'ufficio tecnico dell'associazione italiana comuni siti Unesco.


«La delegazione ha visitato il sito archeologico per verificare di persona i problemi presenti all'interno dell'area», spiega il gruppo. Annunciata la presentazione di un'interrogazione al sindaco Filippo Miroddi a firma dei tre consiglieri di maggioranza Manlio Marzullo, Ivan Picicuto e Manuela Lentini, questi ultimi due presenti al sopralluogo insieme all'avvocato Sinuhe Curcuraci, leader di Sviluppo e Territorio. Sotto la lente di ingrandimento soprattutto il grave problema della mancanza di restauratori nella pianta organica del museo archeologico della Villa Romana, un dato che fa a pugni con l'etichetta di sito Unesco che accompagna i pavimenti musivi da diversi anni.


Le polemiche negli ultimi tempi sono arrivate anche all'assessorato regionale ai Beni culturali e all'assessorato al Turismo. Occorre una manutenzione costante dei mosaici, sia in termini di pulizia che di restauro. La risalita dei sali dal sottosuolo con la formazione di aloni bianchi sui pavimenti, le macchie "chimiche" del guano dei piccioni, la polvere e i primi "vulcanelli", aree in cui il mosaico si gonfia rischiando di saltare e frantumarsi, richiedono un intervento almeno settimanale. Tuttora manca una convenzione finanziata dal 30 per cento degli incassi del sito che si occupi di questo servizio.


L'unico intervento di pulizia recente è stato effettuato poco prima dell'arrivo in città della troupe di "Ulisse", la trasmissione di approfondimento condotta da Alberto Angela. Contatti sono in corso tra un'associazione di mosaicisti, l'amministrazione comunale e la direzione del Parco Archeologico per mettere nero su bianco una collaborazione, con il coinvolgimento di studenti restauratori del Centro regionale per il restauro. Ro.Pa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati