Precari del Comune, a Enna sciopero della fame per il sindaco

ENNA. Sciopero della fame ad oltranza per il sindaco Paolo Garofalo che intende protestare contro la Regione che non definisce la querelle sui precari. Ed anzi per oltre 24 mila fra contrattisti e Asu dal primo gennaio si fa sempre più concreto lo spettro del licenziamento senza almeno una proroga.
Al Comune sono impegnati 69 contrattisti a tempo determinato e 107 Asu, più i soggetti del Reddito minimo d'inserimento. All'incontro con la stampa hanno partecipato anche due precari Mario Mingrino, che è anche il segretario regionale del comitato Asu, e Fabio Marino. Secondo i dati della Cisl i contrattisti in provincia sono 834 mentre gli Asu 265. Garofalo non è disinformato e sa bene che il presidente della Regione Rosario Crocetta proprio questa mattina ha proposto un disegno di legge per i precari con proroghe e stabilizzazioni. “E' una bufala – risponde Garofalo - manca di copertura finanziaria”. Il sindaco chiede un intervento immediato e risolutivo per non privare i Comuni della professionalità dei precari: “Senza di loro possiamo chiudere”. La protesta continua con un consiglio comunale straordinario aperto dove sarà invitata la deputazione e la giunta regionale. “Vorremmo confrontarci – conclude il primo cittadino - con il presidente Crocetta proprio ad Enna”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati