Mucche infette a Enna In 2 allevamenti focolai di tubercolosi

Il sindaco ha disposto il «sequestro fiduciario» di altre due mandrie: i veterinari hanno trovato l’esistenza di focolai di tubercolosi bovina

ENNA. È ancora forte l’allarme per le cosiddette “zoonosi”, le malattie animali che si insinuano negli allevamenti. Il sindaco Paolo Garofalo ha dovuto disporre altri due sequestri di mandrie, nelle contrade Ciaramito e Turlimurli, perché i veterinari hanno individuato l’esistenza di focolai della tubercolosi bovina.
Gli animali sono stati affidati ai rispettivi proprietari, che però sono tenuti a osservare una serie di pesanti prescrizioni, perché le ordinanze dispongono il cosiddetto “sequestro fiduciario”.

 UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA DI OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati