Regalbuto, torna l’alga rossa a Pozzillo e ripartono i controlli

REGALBUTO. Si tinge ancora di rosso l'acqua del Pozzillo. In alcune parti dell'invaso è, infatti, ricomparsa l'alga rossa. L'amministrazione comunale, guidata da Francesco Bivona, ha richiesto l'intervento dell'Agenzia Regionale Protezione Ambiente Sicilia (Arpa) per risalire alle cause di questo fenomeno. Il Dirigente U.O.S. Monitoraggi Ambientali dell'Arpa Enrico Croce, insieme ad altri due tecnici, hanno effettuato dei sopralluoghi in diverse aree del Lago Pozzillo ed hanno prelevato dei campioni di acqua e dell'aria, al fine di approfondire i dati relativi al fenomeno e poter risalire alle cause. «Attendiamo di conoscere i risultati delle analisi per informare la cittadinanza ed evitare eventuali allarmismi di facile presa nei cittadini - afferma l'assessore Domenico Romano -. Colgo l'occasione per ringraziare l'Arpa per la sua disponibilità e sottolineare che il rapporto proprio con l'Arpa è costante e si concretizza diverse volte durante l'anno per campionare l'aria e le acque, mantenendo alto il livello di controllo a tutela della salute pubblica, di massimo rilievo per la nostra amministrazione».
La fioritura dell'alga rossa nel Pozzillo fu riscontrata già anni fa e, precisamente, nel dicembre 2005. Inizialmente si lanciò l'allarme, perché quel tipo di alga poteva essere pericolosa: la Planktothrix rubescens, infatti, è in grado di produrre microcistine, potenti epatossine, responsabili a lungo termine di tumori al fegato, gastrointestinali ed epiteliali. L'Arpa di Enna inviò dei tecnici sul posto per i prelievi. La zona interessata alla florescenza era quella vicina allo sbarramento. Fu massima l'attenzione e sull'invaso fecero dei sopralluoghi pure i ricercatori dell'Istituto zooprofilattico sperimentale regionale. Nel maggio 2006 la situazione di pericolo rientrò, tanto che l'assessorato regionale alla Sanità, in base alle risultanze delle analisi, evidenziò che le risorse idriche dell'invaso potevano essere utilizzate sia per l'irrigazione sia per gli altri usi consentiti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati