Enna, Archivio

Pochi soldi, tagli agli autobus urbani a Nicosia

NICOSIA. Spending review anche nel trasporto urbano. Saltano due corse del percorso cittadino. La Regione riduce del 6% i contributi e l'amministrazione comunale non ha i fondi per integrarli. Invariate invece le corse che riguardano la frazione di Villadoro.I trasporti interni alla città e quelli esterni in direzione della frazione di Villadoro sono garantiti dall'Astac. La riduzione delle corse è stata proposta dalla ditta di trasporti e accettata dall'amministrazione comunale con la delibera di Giunta numero 96 del 28 aprile.

Le corse giornaliere erano dieci ma con la riduzione rimarranno otto. A saltare sono le corse delle 7 e 15 e quella delle 11. E per armonizzare gli orari rimanenti la corsa delle 7,45 viene anticipata alle ore 7 e 30 mentre quella delle 12 e 30 viene anticipata alle ore 12. Per tutte le corse è garantito il transito dall'ospedale. Al cimitero garantita solo una corsa il giovedì e una il sabato.

"Dovendo ridurre - spiega il sindaco Sergio Malfitano - abbiamo scelto di incidere sulle due corse meno utilizzate per creare meno disagi possibili all'utenza. La nostra scelta - aggiunge - è diretta conseguenza dell'ulteriore taglio operato dall'assessorato regionale alle Infrastrutture sui trasporti pubblici siciliani. Per il 2014 l'Assessorato infatti ha ridotto i contributi di un ulteriore 6% rispetto al 2013 - conferma il primo cittadino - e noi che come Comune non abbiamo fondi comunali sufficienti ad integrarli ci siamo dovuti adattare".
Il bus cittadino parte da piazza Vittime della mafia, percorre viale Magnana, quindi via Nazionale, raggiunge l'ospedale Basilotta, scende a Piazza San Francesco Di Paola, prosegue fino a piazza Marconi, per raggiunge piazza Garibaldi, transita in via Fratelli Testa, arriva a Santa Croce, quindi a Santa Lucia e a San Michele, dal bivio delle Crociate, e ritorna a Piazza Marconi, da dove raggiunge l'ospedale e quindi ritorna al capolinea. Ad usufruire del collegamento sono soprattutto gli abitanti delle zone periferiche ed in particolare gli anziani, che ne fanno il più largo uso. Con il mezzo pubblico oltre il centro della città si raggiunge l'ospedale Basilotta e due volte a settimana anche il cimitero cittadino. I giorni di maggiore utilizzo rimangono quelli del mercato, ossia il giovedì e il sabato mattina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati