Detenuti con le valigie a Nicosia, ma arriva contrordine: niente trasferimento

La notizia ha provocato in città un’ondata di ottimismo. L’amministrazione comunale, invece, si esprime con cautela e rimane in attesa di un decreto definitivo che non solo salvi il carcere nicosiano ma lo potenzi

NICOSIA. Bloccati tra la gioia generale i trasferimenti dei detenuti dal carcere cittadino verso altri istituti penitenziari siciliani. Il blocco dei trasferimenti è avvenuto quando la macchina amministrativa, che si mette in moto per le traduzioni, era già partita. Nel primo pomeriggio di ieri si aspettava solo l'arrivo dei cellulari che avrebbero dovuto trasportare i detenuti che a loro volta avevano già preparato le valigie. E invece tutto si è fermato. La notizia del blocco è ufficiale e così anche i trasferimenti previsti per questa mattina non ci saranno, ma le motivazioni che hanno determinato la sospensione delle traduzioni non si conoscono. La notizia, diffusa ieri all'ora di pranzo, ha provocato in città un'ondata di ottimismo. L'amministrazione comunale, invece, si esprime con cautela e rimane in attesa di un decreto definitivo che non solo salvi il carcere nicosiano ma lo potenzi.



UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati