Spazzatura, servizio troppo caro a Catenanuova: un piano per tagliare

CATENANUOVA. Troppo oneroso per le casse comunali, e quindi per i cittadini su cui ricadono poi le spese di gestione, il costo della gestione della spazzatura. Rinascita per Catenanuova elenca i costi e come tagliare le spese eccessive: si andrebbero a risparmiare dai 5 mila euro l'anno ai 29 mila euro. Con una nota indirizzata al sindaco Aldo Biondi, al presidente del consiglio, Prospero Casteglione, al presidente dell'assemblea e sindaco di Regalbuto, Francesco Bivona, all'ufficio ARO e agli ingegnieri Di Salvo e Intili - che hanno redatto il Piano di intervento per la gestione rifiuti, per i comuni di Catenanuova, Centuripe e Regalbuto -, i componenti del gruppo di Rinascita per Catenanuova, nonchè consiglieri comunali nel gruppo di opposizione (Gaetano Bartolotta, Pino Castelli, Adele Mazzaglia, Antonella Passero, Irene Punzi), propongono di applicare dei cambiamenti nel Piano per la gestione dei rifiuti in modo tale da portare avanti un taglio della spesa. Ecco i punti in cui i consiglieri propongono le verifiche ed eventuali modifiche al Piano. 1) L'autocompattatore da 16-18 mc necessario nel cantiere di Catenanuova, potrebbe essere quello già in uso oggi dall'Ato con un comodato d'uso gratuito, che ridurrebbe il costo annuo di 7 mnila 118 euro. 2) Molto dispendioso l'utilizzo di un compattatore che giornalmente gira tre comuni impiegando un autista in modo continuativo. «Sarebbe opportuno acquistare due compattatori scarrabili per ogni cantiere e usarli come contenitori fin quando non si riempiano, per poi trasferirli nei centri di prima selezione. Cosa che porterebbe a ridurre il costo per il mezzo a 15 mila 750 euro e per il personale a 13 mila euro, per un totale di 29 mila 490 euro», spiegano. Inoltre i consiglieri lamentano che su Regalbuto il servizio di spazzamento e pulizia delle strade va fatto su 868 ore mentre su Catenanuova occorre la metà del tempo, 400 ore, per Centuripe bastano 245 ore, quindi non si comprende il motivo per cui la spesa viene ripartita in parti uguali. Per Catenanuova significherebbe ridurre i costi di 5 mila euro l'anno. Altro punto: nel costo annuale del servizio nel caso di affidameno ad evidenza pubblica si vedono dedurre i costi del dirigente, ossia 21mila 840 euro. Oltre alla riduzione dei costi, i consiglieri fanno notare che vanno accertate le modalità di applicazione della normativa. In particolare quella che riguarda il bando per l'affidamento dei servizi, sulla base che la concorrenza porta ad un servizio più efficiente e a minor costo. I consiglieri propongono, infine, di costituire uno staff tecnico operativo composto dai redattori del Piano, che fungeranno da coordinatori, e dai dirigenti degli uffici tecnici dei rispettivi comuni, che dovranno esprimere parere di congruità sulla redazione del piano economico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati