Caso Acquaenna, il sindaco di Nicosia: operai denuncino

Enna, Archivio

NICOSIA. La situazione paradossale dei fontanieri comunali senza lavoro si risolverà solo davanti ad un Giudice e nel frattempo non percepiranno più il salario. L'amministrazione comunale, infatti, non intende più anticipare le somme per pagare i loro salari fino a quando ci sarà il parere contabile negativo del dirigente dell'ufficio di ragioneria del Comune.
I cinque operai sono stati pagati fino ad aprile, anche se non lavorano dal mese di gennaio, ma per il mese di maggio la Giunta non ha anticipato le somme. Una scelta che suscita particolare preoccupazione per il loro futuro e che ha fatto nuovamente scendere in campo il sindacato che li segue. «Per il mese di maggio - aveva detto Pasquale Calandra della Uil - non riceveranno il pagamento del salario perché c'è il parere contabile negativo dell'Ufficio di ragioneria. Parere contabile - aveva continuato Calandra - che è stato negativo anche nel mese di aprile ma la Giunta ha anticipato lo stesso le somme. Ritengo stucchevole che adesso la responsabilità venga addebitata al dirigente dell'ufficio finanziario».


L'ARTICOLO COMPLETO NELL'EDIZIONE DI ENNA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati