Enna, Archivio

Imu e Tasi in alto mare: le tariffe ancora incerte a Nicosia

Il consiglio chiede alla giunta di approvare il bilancio, ma senza regolamento sulle tasse i tempi si allungano

NICOSIA. Il consiglio comunale tornato a riunirsi giovedì, dopo che mercoledì per l'ennesima volta era mancato il numero legale, ha finalmente lavorato. Dei 13 punti all'ordine del giorno, molti sono stati trattati, ma se il consiglio chiede, con un documento, all'amministrazione comunale, di arrivare al più presto, e comunque entro la prima metà di luglio, al bilancio non ha però approvato i punti relativi ad Iuc, Imu e Tasi che sono atti propedeutici allo strumento finanziato di previsione per l'esercizio in corso. Punti che però al momento sono ancora fermi in Commissione bilancio.
Nella seduta, convocata dalla presidente Maria Di Costa con la formula dell'urgenza, i consiglieri erano chiamati ad approvare il regolamento della Iuc (Imposta unica comunale), a determinare le aliquote e detrazioni d'imposta Imu per il 2014 e ad approvare le aliquote per la Tasi (Tassa sui servizi indivisibili). Tutte approvazioni di tariffe che andranno, una volta approvate, a determinare una parte delle entrate dello strumento finanziario del Comune. "Lunedì - spiega il consigliere Carmelo Lizzo - completeremo il lavoro sulle tariffe che rispetto alla proposta dell'amministrazione abbiamo fortemente ridotto". Un ritardo quindi, quello dell'approvazione delle tariffe, che potrebbe essere colmato nella prossima seduta di consiglio comunale. Tra i punti approvati, invece, quello relativo al Patto dei Sindaci, adesione all'ATS, che consente un concreto passo avanti nella predisposizione degli atti propedeutici all'avvio della fase progettuale legata al risparmio energetico, attraverso la stesura dei PAES (Piani d'azione per Energia Sostenibile) per l'ottenimento di risorse finanziarie comunitarie.
Per quanto riguarda la prossima istituzione dei Liberi consorzi che andranno a sostituire le province il consiglio ha votato un atto d'indirizzo che istituisce una apposita Commissione consiliare, formata da tutti i capigruppo consiliari o comunque da un rappresentante per ogni partito politico che siede in consiglio. La Commissione si insedierà martedì e avrà due giorni di tempo per preparasi all'incontro previsto per giorno 19 con il quale l'amministrazione comunale si sta facendo promotrice di una riunione fra amministratori per la creazione di un Consorzio tra i Comuni della provincia di Enna e alcuni Comuni rivieraschi della costa tirrenica, le cui basi sono state poste l'11 giugno scorso nell'ambito di una conferenza dei sindaci ennesi che si è tenuta ad Enna.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati