Auto, nella provincia di Enna le assicurazioni meno care del Sud

ENNA. Nonostante i tamponamenti-truffa e le patenti «facili», scoperte in quantità industriale nell'ultimo decennio dalle forze dell'ordine, Enna è la provincia dove costa meno l'assicurazione per la responsabilità automobilistica in tutto il Sud d'Italia. È una classifica tra chi sta meglio fra le peggiori, in realtà, perché tiene conto dei dati relativi alle cinque regioni del Sud con le tariffe più alte, ovvero Puglia, Calabria, Campania, Basilicata e Sicilia. La provincia dove l'rc auto è più costosa, in Sicilia, è Agrigento. Il dato emerge dallo studio sulla "RC auto nel Sud Italia" realizzato da "Facile.it", sito leader nella comparazione di polizze assicurative e prodotti finanziari, che ha evidenziato come Puglia e Campania siano le regioni con i premi RC auto più alti del Paese. Gli esperti di statistica del portale hanno elaborato i dati partendo dal premio medio che viene richiesto a tre differenti profili di automobilisti: i virtuosi, le donne e i neopatentati. Nella prima categoria rientra il "cliente-tipo": uomo sui quarant'anni, diplomato, sposato, alla guida di una Ford Focus 1.6 diesel, che abbia la prima classe di merito e nessun incidente negli ultimi cinque anni. Le "donne-tipo" che pagano di meno hanno sui 35, sono diplomate, sposate, alla guida una Opel Corsa 1.4 Benzina, con la quarta classe di merito e nessun sinistro denunciato negli ultimi 5 anni. Infine i "giovani neopatentati", secondo le categorie tipizzate dallo studio, sono studenti single sui 19 anni, alla guida di una Fiat Punto 1.3 diesel, quattordicesima classe di merito e prima polizza. In Sicilia solo una provincia risulta la più economica per i tre profili tenuti in considerazione dagli esperti di Facile.it, ed è appunto Enna, dove anche chi è in "quarta classe" paga i premi più bassi dell'Isola, ovvero 302 euro l'anno. Al primo posto per i prezzi meno convenienti, in quarta classe, c'è Messina con 542 euro. La città dello Stretto è la più cara anche per gli automobilisti più diligenti che devono sborsare una media di 519 euro l'anno contro i soli 290 di Enna. In generale, nel Mezzogiorno il costo inferiore per gli automobilisti virtuosi, in prima classe, è stato registrato ad Enna, dove si paga in media 290 euro; mentre a Taranto quello maggiore (714 euro). La differenza dei premi medi annui tra neopatentati, fra Agrigento e Enna, più e meno care dell'Isola, è ingente. All'ombra dei Templi, un neopatentato paga in media 2.535 euro l'anno, contro i 1.387 euro di Enna, quasi mille euro in più. Dunque a Enna i prezzi, tutto sommato, si mantengono medio-bassi, anche se va ricordato fino a una decina d'anni fa, secondo gli automobilisti più esperti, il premio annuo era fra i più bassi d'Italia. Questo prima, cioè, che iniziassero i casi di truffa e gli scandali sugli esami per le patenti "ammorbiditi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati