Poste, ore di fila per pagare le tasse a Piazza Armerina

PIAZZA ARMERINA. Il poco personale alle Poste piazzesi e i disagi per l'utenza potrebbero arrivare anche alla Camera dei Deputati. Proteste quelle arrivate al nostro giornale per le difficoltà degli ultimi giorni riscontrate da molti cittadini. «Quello che è avvenuto ieri ed oggi all'ufficio Postale di Via La Malfa è veramente inaudito e paragona la nostra città di 22 mila abitanti e sede di uno dei più importanti siti Unesco ad un villaggio del terzo mondo». A sottolinearlo Fabrizio Tudisco, ex vicesindaco e assessore provinciale, portavoce provinciale di Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale, il quale ha sporto un reclamo ufficiale ai vertici dell'azienda dopo aver assistito di persona ad alcuni disagi ed aver ricevuto a sua volta diverse richieste di sensibilizzazione dai cittadini armerini. «Sono anni che l'ufficio postale evidenzia palesi disservizi con le ataviche e giustificate proteste da parte dell'utenza, ma gli ultimi disagi che si sono verificati rappresentano la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Io stesso ho verificato la ressa di giorno 18 quando molti cittadini si sono recati presso gli sportelli per versare la quota Tari, la tassa rifiuti solidi urbani, sottoponendosi ad un vero e proprio stress fisico ed emotivo». All'origine dei problemi ci sarebbe l'organico ridotto all'osso, un fatto che la direzione piazzese ha più volte posto. Un problema che sembra ripetersi ciclicamente e ha già portato a numerose proteste, anche istituzionali, in un recente passato.
«La responsabilità non è certo del povero direttore o del personale che si prodiga e riceve, a volte, ingiustificati attacchi dagli inferociti astanti costretti ad attendere ore e ore per poter accedere al servizio, con gravissime difficoltà per le povere persone anziane e i disabili, ma di chi dovrebbe potenziare una volte per tutte la sede di Piazza Armerina, con un aumento di personale adeguato al numero di abitanti e aggiungo di turisti della nostra città, infatti solo tre unità sono operative, di cui una distaccata dall'ufficio postale del Monte che, oggi (ieri per chi legge, ndr), per mancanza di personale è stato chiuso». Le proteste del quartiere Monte in passato si sono ripetute più volte. «Inspiegabilmente questi disagi sono solo a Piazza Armerina e non accadono in alcun centro dell'ennese, men di meno nell'ex capoluogo di provincia, pertanto la forza politica che rappresento protesta energicamente contro la direzione provinciale delle Poste di Enna, chiedendo l'immediato potenziamento delle unità operative dei due uffici postali piazzesi ed inoltrerà per conoscenza analoga protesta alla direzione regionale delle Poste, a quella nazionale. Tudisco ha deciso di coinvolgere anche il gruppo parlamentare di Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale della Camera dei Deputati, per una eventuale interrogazione parlamentare al Ministro delle Poste e Telecomunicazioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati