Nicosia, appalto da 60 mila euro per l’asilo nido

Pubblicato il bando per l’attivazione dei nuovi servizi per l’asilo nido comunale di Magnana. La gara, con una base d’asta di poco meno di 60 mila euro, si terrà il 10 luglio. Pubblicato il bando per l’attivazione dei nuovi servizi per l’asilo nido comunale di Magnana. La gara, con una base d’asta di poco meno di 60 mila euro, si terrà il 10 luglio

NICOSIA. Aumentano i servizi al nido comunale di Magnana e si ampliano, a partire dal prossimo autunno con l’avvio dell’anno scolastico 2014/2015, gli orari ma senza aumento dei costi per l’utenza. Pubblicato il bando per l’attivazione dei nuovi servizi, la gara, con una base d’asta di poco meno di 60 mila euro, si terrà il 10 luglio. «L’ampliamento dei servizi – spiega l’assessore Maria Giovanna Scancarello – è possibile grazie ai circa 200 mila euro che ci sono stati dai fondi Pac come Distretto D/23. Metà della somma rimane nel nostro Comune e l’altra metà verrà utilizzata dal Comune di Troina sempre per migliorare i servizi all’infanzia. Della somma che rimane a noi come Comune – specifica l’assessore – una parte viene utilizzata per ampliare i servizi e l’altra parte per adeguare la struttura in maniera da ottenere un significativo risparmio energetico». Grazie alla “Pac” (Programma nazionale per i servizi di cura) non solo si migliorerà il servizio ma arriveranno anche opportunità di lavoro per animatori e assistenti per l’infanzia, qualificati e con esperienza documentata. Alla gara però non potranno partecipare singoli ma cooperative o associazioni. «I nuovi servizi – sottolinea l’assessore Scancarello – non avranno conseguenze sulle rette che – assicura – non saranno aumentate». Ad ottobre 2012 la giunta rimodulò le rette di accesso all’unico servizio comunale dedicato ai bambini da 0 a 36 mesi e alle loro famiglie, per facilitare le iscrizioni e agevolare le famiglie con redditi bassi e per quest’anno non ci saranno variazioni rispetto allo scorso anno. Le fasce reddituali d’accesso sono 9 e a quanto pare tali rimarranno. Chi ha un reddito fino a 5 mila euro per mandare il proprio bambino al nido comunale paga 50 euro mensili. La seconda fascia accoglie le famiglie con redditi da 5 a 10 mila euro e la retta è di 80 euro. In terza fascia, con redditi da 10 a 15 mila euro, la retta è di 110 euro. Per i redditi da 15 a 20 mila euro, quarta fascia, la retta è di 130 euro e di 150 euro mensili, in quinta fascia, per i redditi da 20 a 25 mila euro. In sesta fascia, da 25 a 30 mila euro, si pagano 170 euro, da 30 a 35 mila euro la retta è di 190 euro. Le famiglie che hanno un redito da 35 a 40 mila euro la retta è di 205 euro, chi supera il reddito di 40 mila euro paga 220 euro mensili.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati