Enna, Archivio

Processo telematico a Enna, siglato il protocollo d’intesa con i legali

ENNA. Un protocollo d'intesa per far funzionare anche a Enna il "Processo civile telematico" (Pct), che è obbligatorio in tutta Italia da ieri, 30 giugno. È stato siglato dal presidente del Tribunale di Enna Giuseppe Ferreri, il presidente del consiglio dell'Ordine degli avvocati Giuseppe Spampinato, dal magistrato referente di informatica forense Ottavio Grasso e dall'avvocato referente Paolo Nasonte. A parlarne, per conto del consiglio forense, è proprio l'avvocato Nasonte, consigliere dell'Ordine.

«Il processo civile telematico - spiega Nasonte - consentirà l'intercomunicazione digitale in via telematica tra avvocati, cancellerie e magistrati. Questo deposito di atti in forma digitale non solo dovrebbe permettere un minore spreco di carta e una maggiore celerità, ma anche un minore accesso fisico nelle cancellerie, e la possibilità dunque di "lavorare dal proprio studio" per gli avvocati, non più obbligati a recarsi in Tribunale per l'espletamento di attività extra-udienza».
I referenti informatici della magistratura e dell'avvocatura, oltre al cancelliere Armando Graziano, referente della cancelleria civile, hanno già fatto partire a marzo un periodo di sperimentazione, con test di deposito di atti informatici e poi hanno attivato il Pct "in maniera facoltativa, consentendo il deposito telematico di alcuni atti giudiziari", anche per consentire un esercizio pratico e, eventualmente, far emergere eventuali criticità del sistema. Ma adesso è tutto pronto.
Il protocollo d'intesa è stato siglato il 27 giugno.

«Sono state implementate le linee telematiche ed effettuati molti corsi di preparazione ed aggiornamento - prosegue Nasonte -. Il consiglio dell'Ordine degli avvocati di Enna, sin dalla fine dello scorso anno, ha provveduto ad organizzare tutta una serie di eventi di formazione professionale, sia di taglio teorico che pratico". Sabato, in un nuovo corso, lo stesso Nasonte, assieme al presidente dell'Ordine ennese Giuseppe Spampinato, forniranno le "istruzioni per l'uso del Pct». «Metteremo in opera un esempio d'invio di atti telematico - conclude il consigliere dell'Ordine - sin dalle operazioni iniziali, attraverso l'installazione di un apposito software che serve a imbustare i documenti digitali, per l'invio tramite Pec alla cancelleria».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati