Enna, Archivio

Sterpaglie sul costone, a Piazza Armerina è allarme incendi

PIAZZA ARMERINA. A forte rischio incendi l'area urbana tra via Stradonello e via Ortalizio, a cavallo tra il quartiere Canali e il Monte. Un'alta e folta vegetazione ricopre gli oltre 20 mila metri quadri del costone in parte attraversato dalle due scalinate in cemento e dai viali pedonali che dal Monte scendono verso i Canali. Il pericolo numero uno è rappresentato dal fumo e dalle fiamme che potrebbero lambire molte abitazioni e provocare forti disagi ai residenti della zona, soprattutto in presenza di vento. L'erbaccia secca è in questo momento altamente infiammabile, basta poco, anche una cicca di sigarette, per mandare in fiamme l'intero costone. Per questo molti residenti esprimono forte preoccupazione e chiedono un intervento di manutenzione all'amministrazione comunale per mitigare il rischio ed evitare il peggio. Sono centinaia gli edifici che si trovano attorno a quello che potrebbe trasformarsi per alcune ore in un forno all'aperto. Gli abitanti della zona manifestano apprensione, conoscono bene i rischi cui l'area va incontro in questo periodo, visto che l'intervento degli uomini dei vigili del fuoco già negli scorsi anni si è ripetuto più volte, proprio a causa della mancata pulizia dei terreni. E per questo chiedono anche ai due comitati di quartiere di farsi da portavoce del loro problema nei confronti del Comune piazzese, chiedendo un intervento di bonifica in grado di scongiurare magari l'azione dolosa di qualche piromane pronto ad appiccare il fuoco. A rischiare di subire danni anche le già precarie scalinate invase dall'erbaccia e dall'immondizia, così come i lampioni dell'illuminazione pubblica, spesso non funzionanti, immersi tra la vegetazione alta. Le ringhiere mancanti con il rischio per i bambini di finire nella scarpata, i problemi igienico sanitari e tratti di calcinacci pericolanti rappresentano altrettanti motivi di degrado denunciati dai cittadini che vivono a monte e a valle del costone. Ed è proprio la presenza di ratti, insetti, erbaccia alta e rifiuti che provoca la tentazione per qualche residente di appiccare il fuoco, utilizzando le fiamme come l'unica bonifica possibile. Intanto le condizioni di degrado in cui versa la doppia scalinata, il cui calcestruzzo si sta sfaldando, cadendo a pezzi, secondo alcuni dovrebbe suggerire per ragioni di tutela dell'incolumità pubblica un sopralluogo accurato da parte dei funzionari dell'ufficio Tecnico comunale ed un eventuale ordinanza con il divieto di passaggio pedonale. Proprio due anni fa un gruppo di abitanti della zona aveva promosso una raccolta di firme, poi presentata agli uffici comunali, chiedendo più attenzione per questa fetta di area urbana. L'erbaccia, infatti, cresce nel bel mezzo degli stessi viali adiacenti le due scalinate in cemento, rovinando la stessa pavimentazione stradale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati