Enna, Archivio

Piazza Armerina, monta la polemica sulla raccolta dei rifiuti

PIAZZA ARMERINA. "Il ruolo dei funzionari è quello di avere la capacità di saper fronteggiare i problemi, non di crearli". Così l'assessore all'Ambiente Pippo Oliveri con riferimento al dirigente comunale dimissionario Mauro Mirci, responsabile del settore Tutela ambientale, dopo i contrasti dei giorni scorsi legati alle modalità operative di manutenzione dei mezzi della raccolta rifiuti guasti. L'assessore Oliveri, il quale ha definito "deplorevoli" le dimissioni del dirigente, ha scritto una lunga lettera inviata a tutte le istituzioni locali, replicando a quelli che ha considerato "i contenuti offensivi" presenti in una missiva precedente con cui Mirci comunicava a Sala delle Luci e all'amministratore il suo parere contrario ad una nuova modalità di manutenzione dei mezzi che vedeva il Comune anticipare le somme, per poi decurtarle dai pagamenti comunali mensili effettuati all'Ato. Il servizio di raccolta dell'immondizia continua a rimanere nel caos, tra condizioni igienico sanitarie al limite e il passaggio dall'Ato EnnaEuno alla Srr Caltanissetta Provincia Sud che non si concretizza. Un attacco all'amministrazione comunale, intanto, arriva dal Partito democratico proprio sul fronte rifiuti e sul mancato avvio del nuovo servizio di raccolta con la Srr nissena. "Non si tratta solo di inadeguatezza dell'amministrazione, ma di un chiaro disegno, portato avanti dal sindaco e da qualche componente di giunta strettamente legato ai vertici dell'Ato, che mira a fare rientrare Piazza nella più fallimentare società di gestione del servizio dei rifiuti in Sicilia", spiega il coordinatore del Pd, Ilenia Adamo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati