Leonforte, pannelli fotovoltaici all’asilo nido

LEONFORTE. Si comincerà con l'asilo nido, dove grazie a un finanziamento del Ministero dello Sviluppo Economico il Comune realizzerà un impianto fotovoltaico e un sistema per l'efficienza energetica. Ma si lavora a ridurre in maniera consistente la bolletta energetica dell'ente, per tutti gli edifici comunali. È il piano a cui lavora l'assessore ai Lavori Pubblici Rosa Maria, architetto alla sua prima esperienza amministrativa, che in questi mesi ha presentato numerosi progetti, nonostante le ristrettezze e i vincoli economici del Comune; che fanno parte di un piano portato avanti con il sindaco Francesco Sinatra. Il primo cittadino infatti esprime "forte soddisfazione" per l'accoglimento, da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, del piano sull'asilo. "Abbiamo già appaltato i lavori da 72 mila euro per l'asilo nido - spiega l'assessore Rosa Maria - e inoltre, con la restante parte dei fondi del Poi, cambieremo le luci all'interno del Comune, per il risparmio energetico". È fondamentale a Leonforte far quadrare i conti della bolletta energetica, considerato che l'ente non può permettersi sprechi e che negli anni, i soldi da pagare, sono aumentati in maniera esponenziale, specie perché il Comune si è trovato a dover illuminare una zona più ampia del paese, per la forte espansione urbanistica. Già da qualche anno l'illuminazione è stata ridotta, con un sistema che consente di risparmiare tramite strategiche riduzioni. All'asilo, con i soldi del finanziamento ministeriale, sarà realizzato un impianto fotovoltaico connesso in rete e i servizi, un impianto solare termico per la scuola, un impianto a pompa di calore per la climatizzazione e interventi di sostituzione delle lampadine, con l'installazione di un sistema in grado di ridurre i consumi e migliorare la qualità ambientale. "Stiamo provando inoltre con il Poi il 'relaimping' (la sostituzione delle lampadine per migliorare l'efficienza, ndr.) di tutte le sedi comunali - prosegue l'assessore Maria -. E inoltre realizzeremo un sistema inverter di pompe di calore per risparmiare del 30 per cento sul riscaldamento". Un impianto di climatizzazione "inverter", spiegano gli esperti, è dotato di un dispositivo elettronico, che aumentando o diminuendo il regime di rotazione del compressore, permette la modulazione della potenza erogata dalla macchina, in maniera proporzionale alla effettiva richiesta di freddo o caldo. Questo determina un risparmio immediato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Enna: i più cliccati