IL CASO

Barriere architettoniche per i disabili, allarme delle associazioni dell'Ennese

di

ENNA. La Fand provinciale (federazione tra le associazioni nazionali dei disabili), lancia l'ennesimo appello a tutela delle persone con disabilità. «Facendo un'analisi degli enti pubblici della nostra provincia - dichiara il presidente Giuseppe Regalbuto che nell'ennese coordina sette sigle di associazioni di persone con invalidità (quelle censite in provincia a quanto pare sono più di 5mila) - in diversi, tra cui le sedi dell'Azienda sanitaria, della Provincia, l'Ispettorato del lavoro e la Prefettura, mancano le strutture di accessibilità per i disabili con le sedie a rotelle.

Unica nota positiva ad oggi è il Palazzo di giustizia di Enna, l'unico ad aver istituito parcheggi per i disabili attaccato allo stabile e una fra le pochissime strutture che ha una piattaforma di ingresso accessibile a tutti i tipi di disabilità». «Purtroppo - continua il responsabile Fand - non tutti gli enti pubblici hanno adottato misure idonee per i disabili. Tanti sono i nostri soci che con le carrozzine non possono accedere nella sede di alcuni enti». Regalbuto, che tiene a precisare come la protesta questa volta nasca dal basso - da chi vive direttamente e quotidianamente i problemi di accessibilità - cita inoltre alcuni «disabili eccellenti» che in occasione di visite ufficiali, sono rimasti bloccati dalle barriere architettoniche degli uffici ennesi.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X