IL PROVVEDIMENTO

Enna, precari del Comune: stop di sei mesi all’iter per le stabilizzazioni

di
Lo ha stabilito una determina del segretario generale Giuseppe Scalisi dopo averne parlato con il sindaco Garofalo

ENNA. Bloccato per cinque mesi al Comune il processo di stabilizzazione dei precari. Lo ha stabilito, settimana scorsa, una determina del segretario generale Giuseppe Scalisi dopo averne parlato con il sindaco Paolo Garofalo. La decisione è stata presa dal vertice amministrativo di palazzo di città per attendere il “completamento dell’iter della legge nazionale di stabilità del 2015”.

Infatti nella stessa normativa è previsto per gli enti l’obbligo della ricognizione dei posti liberi in organico da destinare alla ricollocazione del personale interessato ai processi di mobilità. In particolare, sotto la lente d’ingrandimento tre commi della legge: 423, 424 e 425. Questi stabiliscono che un decreto ministeriale, entro 60 giorni dalla pubblicazione della normativa, stabilirà i criteri per le procedure di mobilità.

Il secondo comma obbliga invece gli enti locali a destinare risorse per l’immissione in ruolo dei vincitori di concorso o per la ricollocazione delle unità soprannumerarie destinatarie ai processi di mobilità. Infine l’ultimo comma stabilisce che le assunzioni a tempo indeterminato possono avvenire solo dopo il completamento delle procedure di mobilità e «le eventuali assunzioni effettuate in violazione, sono nulle».

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X