Scoperto un giro di usura a Troina - Video

TROINA.Due persone arrestate, tre poste ai domiciliari e una sesta sottoposta all'obbligo di dimora nel comune di residenza. Sono le decisioni, nell'ambito di un'inchiesta contro l'usura, del Gip di Enna che, accogliendo la richiesta del Pm Fabio Scavone, ha emesso un provvedimento cautelare eseguito da militari del comando provinciale della guardia di finanza. Le vittime dell'attività di usura, caratterizzata da prestiti di breve termine con tassi che potevano raggiungere anche il 900%, erano soprattutto imprenditori e commercianti che versavano in gravi difficoltà finanziarie ed a rischio di insolvenza.

Durante le perquisizioni investigatori delle Fiamme gialle hanno sequestrato 52.000 euro in contante e cambiali. Secondo l'accusa, l'organizzazione avrebbe avuto un giro di affari annuo stimato in 600.000 euro. Le indagini era state avviate sulla circolazione di banconote false, di cui sono rimaste vittime i titolari di diversi esercizi commerciali in vari comuni dell'Ennese. Attraverso le indicazioni fornite dalle persone truffate e, con l'ausilio di alcuni fotogrammi tratti dalle registrazioni dei sistemi di videosorveglianza, i militari della Tenenza di Nicosia, cui sono state affidate le indagini, sono riusciti a risalire all'identità degli autori del reato. Il pedinamento ed il monitoraggio dei sospettati, condotti anche attraverso intercettazioni telefoniche, hanno condotto gli investigatori ad un autosalone di Troina, struttura commerciale che costituiva l'attività di copertura degli affari illeciti.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X