ENNA

Violenza sessuale sulla figlia adottiva, condannato a 5 anni il patrigno

di

ENNA. Per i giudici ha abusato sessualmente in più occasioni della figlia adottiva di soli otto anni, convincendola a non raccontare niente e dicendole che, se avesse parlato, «avrebbe ferito il cuore della mamma».
La terza sezione penale della Corte di Cassazione ha respinto il ricorso della difesa e passa così in giudicato la condanna a 5 anni per M.E, che avrebbe anche cercato di comprare il silenzio della vittima con piccole somme di denaro o regalini di vario tipo. I giudici hanno dunque confermato la sentenza che era stata emessa nel novembre del 2013 dal Gup di Enna e confermata l’anno scorso in appello.

A ricorrere in Cassazione era stata la difesa, che già in appello aveva sostenuto che non vi fossero elementi sufficienti, perché la bimba sarebbe stata troppo piccola per rendere una corretta ricostruzione dei fatti, e la madre, sempre per la difesa, sarebbe caduta in contraddizione.
Adesso però la colpevolezza dell’uomo è stata appurata definitivamente.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X