TRIBUNALE

«Clan legato a Cosa nostra»: arrivano condanne per i Fiorenza di Leonforte

di
Vengono inflitti sessant’anni di carcere a 7 imputati, 3 i prosciolti

LEONFORTE. Quattordici anni per associazione mafiosa al presunto capoclan di Leonforte Giovanni Fiorenza, undici anni per suo figlio Alex e dieci anni e otto mesi per l'altro figlio, Saimon. Sono tre delle sette condanne emesse dal Gup di Caltanissetta Lirio Conti, con il rito abbreviato, ieri al processo Homo Novus, sugli affari e il tentativo di riorganizzazione di Cosa Nostra in paese.

In tutto, nell'aula bunker di Caltanissetta, vengono inflitti sessant'anni di prigione per sette imputati, mentre escono prosciolti tre imputati a piede libero. Assolti con formula piena i giovani leonfortesi Domenico Trovato, Pietro e Alessandro Piccione, accusati di traffico di droga. Il reato di associazione finalizzata al traffico di droga è caduto per tutti, così come è caduta, per chi risponde di associazione mafiosa, anche una delle aggravanti previste dalla normativa antimafia.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X