FISCO

Tasse sulla casa, a giugno prima rata: Enna ritocca al ribasso l'Imu

Tre Comuni su 31 hanno alzato l'aliquota Imu (Livorno, al 10,6 per mille, Urbino, al 10,5 per mille, e Pordenone, all'8,85), mentre in due città (Enna e Padova) la revisione è stata al ribasso

ENNA. Per ora sono dei miniritocchi quelli decisi dai Comuni per Imu e Tasi. La prima chiamata allo sportello per proprietari e affittuari è fissata il 16 giugno, ma in quella data si pagherà solo la prima rata al 50%, sulla base delle aliquote e delle eventuali detrazioni valide per il 2014. Il saldo avverrà con la seconda rata da versare entro il 16 dicembre ed entro quella data bisognerà calcolare il conguaglio per l'intero anno, stavolta in base alle aliquote 2015 che i Comuni saranno tenuti ad aggiornare non oltre il 21 ottobre (pubblicandole entro il 28 dello stesso mese sul sito finanze.it).

Le amministrazioni che hanno già deliberato le aliquote per quest'anno sono dunque ad oggi una netta minoranza, 31 sui 117 capoluoghi di provincia italiani, secondo i dati delle Finanze rielaborati da Confedilizia. Le grandi città, come Torino, Milano, Roma, Napoli, Palermo, mancano ancora all'appello ed è difficile pensare che possano adeguarsi entro la metà del prossimo mese. Per decidere se rivedere o meno l'aliquota è infatti probabile che i grandi Comuni aspettino di avere un quadro più preciso dei propri bilanci.

A guardare i dati finora raccolti, le brutte sorprese non sono molte. A rivedere, del tutto o parzialmente, le aliquote Tasi sono stati al momento solo 10 Comuni dei 31 «mappati». E in alcuni casi, come quello per esempio di Barletta, la revisione è stata al ribasso, dal 3,3 per mille del 2014 al 2,7 di quest'anno. Anche Mantova ha portato dal 2,4 al 2,2 per mille l'aliquota base per le abitazioni principali (esclusi immobili signorili di categoria A1, A8 e A9, che oltre a pagare l'Imu per legge hanno anche una Tasi al 2 per mille). Il Comune di Modena ha rivisto invece al rialzo, dal 3,1 al 3,3 per mille, così come Sondrio, dal 2 al 2,5 per mille.

Tre Comuni su 31 hanno alzato l'aliquota Imu (Livorno, al 10,6 per mille, Urbino, al 10,5 per mille, e Pordenone, all'8,85), mentre in due città (Enna e Padova) la revisione è stata al ribasso. In tutte le amministrazioni dove la decisione è stata già presa è possibile il pagamento della Tasi in un'unica soluzione entro il 16 giugno. Per effettuare il versamento si può utilizzare il bollettino postale o il modello F24 (con facoltà di compensare gli importi dovuti con eventuali altri crediti d'imposta), anche precompilato da parte del Comune.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X