IL CASO

Crollo a Piazza Armerina, primi interrogatori

di

PIAZZA ARMERINA. Primi interrogatori della Procura di Enna sul crollo del muro di cinta sottostante la chiesa del Carmine, nel quartiere Casalotto. I militari del Comando Compagnia dei carabinieri hanno cominciato ad ascoltare come persone informate sui fatti alcuni testimoni. Si tratta di funzionari e esponenti della società civile che possono aiutare a ricostruire la storia del muro da 18 metri di altezza e 50 di larghezza collassato domenica scorsa, trascinando giù due automobili e provocando l'allontanamento di due famiglie dalle proprie abitazioni di piazza Sottosanti.

A coordinare le indagini il sostituto procuratore Francesco Rio, mentre l'area del crollo rimane sottoposta a sequestro, soprattutto per consentire rilievi e sopralluoghi conoscitivi, ma anche possibili sondaggi nel sottosuolo, da parte del consulente tecnico nominato dalla Procura, l'ingegnere Alberto Fonti. Secondo indiscrezioni il quadro complessivo dell'accaduto si starebbe già delineando e nelle prossime ore potrebbero emergere già le prime novità sulle cause del crollo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X