DOPO ELEZIONI

Si dissolve il centrodestra a Enna: eletti solo 4 consiglieri

di
Dopo la divisione, nessun esponente dell’Udc approda a Sala d’Euno. Domani i due candidati a sindaco dovranno ultimare l’elenco degli assessori

ENNA. Le elezioni amministrative hanno dato un primo responso: «Ad Enna non c'è più il centrodestra». Un'area in precedenza corposa che negli anni passati ha eletto sindaci e parlamentari è scomparsa quasi del tutto mettendo sul campo un deficit di visibilità e di identità per certi versi imbarazzanti.

Il voto amministrativo di domenica e lunedì scorso probabilmente era l'occasione e il momento giusto per ripartire da zero. Piantare sul terreno politico la bandiera di un centrodestra che aveva intenzione di rinascere dalle sue ceneri mettendo in mostra una identità ben precisa. E invece gli unici due esponenti rimasti sul campo a fare da registi, l'ex deputato regionale Paolo Colianni e l'ex parlamentare nazionale Ugo Grimaldi, hanno scelto la via dell'impegno indiretto con due liste civiche: Enna rinasce e Amare Enna. Per il momento hanno eletto quattro consiglieri Gaetana Palermo, Dante Ferrari, Francesco Comito e Paolo Di Venti. La pattuglia dei residenti di sala d'Euno potrebbe arrivare a cinque, sommando Biagio Scillia, qualora Dipietro vincesse il ballottaggio. Quindi solo liste civiche senza emblemi per i consiglieri chi si rifanno a formazioni di centrodestra.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X