SALA D'EUNO

Enna, De Rose alla guida del Consiglio comunale

di

ENNA. Il Pd, insieme all'alleato Sicilia democratica, fanno incetta di cariche a Sala d'Euno e si chiudono nel fortino. Con gli stessi voti, 17, vengono eletti presidente, Ezio De Rose Pd, e vicepresidente, Paolo Gloria Sd, sbarrando la strada alla minoranza consiliare. Ma se era del tutto logico, naturale e giusto che la presidenza andasse al Pd, forte di 15 consiglieri su 30, meno linearità politica ha avuto l'elezione del vicepresidente considerato che legge, regolamento e statuto davano un'indicazione ben chiara con la carica che doveva essere affidata alla minoranza consiliare.

Un documento del capogruppo di Sd Saverio Cuci ha tentato di giustificare quello che a molti è sembrato ingiustificabile anche dentro il Pd. Insomma è passata la legge della ripicca, della vendetta istituzionale. Un brutto segno per la città che invece ha bisogno di scontri veri e perfino duri ma senza furbate. Sala d'Euno è chiamata a recitare un ruolo importantissimo nell'amministrazione del perimetro urbano, deve essere il garante civico, affinchè la giunta non eccede in personalismi o spinte di gruppi o di partiti. E invece è stato proprio il consiglio a rimanere impantanato in questo guado non volendo riconoscere il giusto spessore ad una legge che offre un'indicazione forte per assicurare pesi e contrappesi alla prima assemblea cittadina.

Prima il sindaco Maurizio Dipietro ha presentato la giunta e le deleghe assegnate, poi Rosalinda Campanile ha preso il posto del dimissionario Giovanni Contino.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X