TRIBUNALE

Tentato omicidio a Enna, il legale: chiederemo i danni

di

ENNA. «Solo un miracolo ha evitato che la mia cliente fosse l'ennesima vittima di un femminicidio. Chiederemo i danni, ma nulla potrà ripagare questa ragazza per le ferite morali e materiali subite». Così l'avvocato Gianpiero Cortese annuncia la costituzione di parte civile della giovane Daniela, nome di fantasia, al processo per tentato omicidio che vedrà alla sbarra il ventiquattrenne ennese Giovanni C., tuttora ai domiciliari, che la sera del 21 aprile scorso avrebbe cercato di accoltellarla e di strangolarla.

La giovane era andata a casa sua per riprendere alcuni effetti personali, dopo la fine della loro relazione, e una volta qui sarebbe stata aggredita.  L'avvocato Cortese assiste Daniela con il gratuito patrocinio, che spetta alle donne vittime di violenza. «Sono onorato di assistere questa giovane, in nome della funzione sociale dell'avvocatura, per la difesa delle persone più deboli - prosegue il penalista ennese -. La mia cliente è andata a vivere lontano da Enna per superare una volta per tutte questa brutta pagina della sua vita».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X