COMUNE

Mezz’ora per il «sì» al bilancio ritardato a Enna

di

ENNA. Lunedì sera è bastata mezz'ora a Sala d'Euno per approvare il bilancio consuntivo 2014 impugnato dalla Regione perché non vistato in tempo utile dai consiglieri. Palermo ha così inviato una commissario ad acta Raitano, il cui costo è stato interamente addossato alle casse comunali per le ire del sindaco Maurizio Dipietro. In effetti la vicenda porta dritta dritta a puntare il dito contro il lassismo che a volte avvolge la cosa pubblica.

A maggio il bilancio era stato approvato dalla giunta comunale ed era passato ai revisori per il parere definitivo. Parere che ha avuto bisogno oltre due mesi per essere sottoscritto. Da qui la decisione della Regione di nominare un commissario ad acta che nel giro di un mese ha fatto approvare il consuntivo. Il ritardo tutta colpa dei revisori? Sulla vicenda ancora non è stato messo un punto. Infatti il collegio pare si sia smarcato dalle responsabilità asserendo che ha sforato i venti giorni canonici per dare un parere per due motivi. Primo, perché è stato distratto da altri incarichi commissionati sia dall'amministrazione che dal consiglio. Secondo, perché le informazioni chieste ai dirigenti sono arrivate in netto ritardo. Motivazioni che hanno convinto poco Dipietro che ha attivato una indagine interna al Comune per capire chi è il responsabile del danno.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X