IL CASO

Commento su Facebook, nei guai una grillina di Piazza Armerina

di

PIAZZA ARMERINA. Ha condiviso su facebook un epiteto molto colorito rivolto al sindaco Filippo Miroddi da un'altra persona ed ora si ritrova con una richiesta di rinvio a giudizio e il processo dopo la querela del primo cittadino. Gli esponenti del Movimento Cinque Stelle, gruppo al quale la donna appartiene da alcuni anni, hanno deciso di imbavagliarsi pubblicamente per «dire no a censura, querele e intimidazione» verso blog, facebook, mass media e la libertà di opinione in genere.

«Sono K. T. e questo sindaco mi ha querelata. Sono moglie e madre, e da tre anni a questa parte ho abbracciato il M5S. La mia azione politica è stata rivolta fin dall'inizio alla denuncia di questo sistema politico, ben lontano dai bisogni delle collettività, la politica che faccio parte dal basso, dalla strada, dalle piazze, le agorà a noi tanto care, è fatta da cittadini normalissimi, dallo studente, alla casalinga, dall'avvocato al semplice commerciante, una politica trasversale che attraversa diverse generazioni», scrive l'attivista grillina su facebook. «La contro-risposta alla mia libertà di opinione e denuncia di mala politica è stata una querela!!», aggiunge.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X