COMUNE

Enna, scontro tra M5s e Pd sull'acqua pubblica

ENNA. Il M5S con Marilina Frattalemi e Davide Solfato non fa sconti e lancia pesanti accuse ai consiglieri sul "non voto" per il ritorno all'acqua pubblica. Puntano il dito su Pd e Sd per essersi "nascosti" e aver fatto mancare il numero legale a Sala d'Euno al momento del voto.
Ai consiglieri che appoggiano il sindaco Maurizio Dipietro dicono: "Hanno dimenticato che nel loro programma l'acqua pubblica era una priorità".

In ogni caso, al di là delle accuse pentastellate, questo tema continuerà a tenere banco a Sala d'Euno perché Dipietro afferma di non essersi mosso di un millimetro riguardo i temi della battaglia elettorale. Non lo ha mai convinto, però, una delibera prima solo d'indirizzo e poi invece, che a leggere la circolare dell'assessore regionale Vania Contraffatto, avrebbe potuto provocare anche danni erariali. I consiglieri 5 stelle gridano che non è vero, basta guardare l'operato di altri: "La stessa delibera era già stata adottata ad Agira, Calascibetta, Catenanuova, Centuripe, Cerami, Nicosia, Piazza Armerina, Pietraperzia, Regalbuto, Troina e Valguarnera. Stessa cosa hanno fatto nei Comuni dell'agrigentino".

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X