EX ASSESSORE

Medicina romena a Enna, la Borsellino sentita in Procura

di

ENNA. Si è svolto ieri pomeriggio l’atteso esame in Procura di Lucia Borsellino, ex assessore regionale alla Salute, sentita come testimone, in veste di persona informata sui fatti, per l’inchiesta sulla controversa istituzione a Enna dei corsi di Medicina e Professioni sanitarie dell’università Dunarea de Jos di Galatj, in Romania. La Borsellino si è presentata attorno alle quattro del pomeriggio, accompagnata dagli agenti della scorta, ed è entrata in Tribunale, per ragioni di sicurezza, da una porta laterale. Poi è entrata nella stanza del procuratore Calogero Ferrotti e dopo alcuni minuti è cominciato l’esame, durato all’incirca un’ora e mezza.

L’inchiesta adesso è diretta da un pool di magistrati: oltre al procuratore Ferrotti, ci lavorano pure i sostituti Giovanni Romano e Francesco Lo Gerfo. L’esame della Borsellino si è concluso pochi minuti prima delle 18. Sui contenuti il riserbo è assoluto. Ma sentire gli esponenti delle giunte regionali, è trapelato alcuni giorni fa, è ritenuto necessario dalla magistratura requirente ennese per ricostruire i passaggi alla Regione della “Fondo Proserpina srl”, la società – il cui legale rappresentante è il senatore Vladimiro Crisafulli – interfaccia nel cuore della Sicilia dell’ateneo romeo, che ha promosso l’istituzione a Enna dei corsi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X