TRIBUNALE

Rapina e minacce agli impiegati, udienza preliminare per 2 indagati ad Enna

di

ENNA. Fu una delle rapine più clamorose mai avvenute in provincia di Enna, in relazione all'entità del bottino, perché fruttò ai rapinatori ben 175 mila euro in contanti. Era il 2012 e i soldi furono prelevati direttamente dalla cassaforte della Banca Carige di Enna, dopo che i malfattori attesero per quasi due ore che si aprisse, tenendo sotto minaccia, armati di un taglierino, quattro persone fra cui l'allora direttore.

Ma la polizia avrebbe individuato i due presunti autori del colpo e si aprirà giovedì 21 gennaio l'udienza preliminare. Alla sbarra saranno due palermitani, Domenico Ferrara di 52 anni e Maurizio Abbate di 42. I due sono stati iscritti sul registro degli indagati e poi al centro dell'esercizio dell'azione penale, da parte della magistratura ennese, alla luce di un'indagine condotta dagli agenti della Squadra Mobile di Enna.

La rapina risale al 1 marzo del 2012. Il rinvio a giudizio è stato chiesto dal sostituto procuratore Francesco Rio. A entrambi, indagati a piede libero, è contestato di essersi introdotti nella filiale impugnando un coltellino, di aver chiuso in bagno e immobilizzato con il nastro adesivo i presenti e di aver costretto i funzionari dell'istituto a consegnare il denaro in contanti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X